“Their voices”, Magma e i 40mila flyer al Magazzino Darsena

“Their voices”, Magma e i 40mila flyer al Magazzino Darsena

Prendete un antico magazzino di stoccaggio del sale che sorge dalle acque del canale di Cervia, aggiungete un’installazione artistica e due producer di richiamo internazionale. Modulo Fest 2017 si apre così. E PQ ne seguirà le avventure durante il corso dell’estate, raccontando la realtà che ruota attorno al collettivo artistico Magma che tre anni fa ha dato il via a quest’interessante sperimentazione culturale.

La nota d’inizio ci porta, a partire da domenica 16 aprile fino a maggio, nel Magazzino Darsena di Cervia; è un luogo della memoria, finito per decenni in disuso e ora al centro di un bando di riqualificazione da parte del Comune, che ne affiderà il rilancio a un futuro gestore. Quelli di Magma furono i primi a dare il via a una riscoperta del luogo, aprendolo dopo tempo immemore al pubblico. E ora lo rifanno con un’installazione artistica che dialoga sia con il pubblico, sia con il magazzino. A dare voce alle suggestioni di turisti e cervesi saranno circa 40mila cartoncini bianchi, puntati l’uno all’altro per formare un’immensa e suggestiva opera site specific battezzata “Their voices”. Su ognuno i visitatori potranno esprimere, scrivere, disegnare le proprie visioni che vedono come protagonista lo storico edificio divenuto uno dei simboli della città.

Their Voices, l’installazione al Magazzino Darsena

Ma anche questa anteprima del Modulo Fest non dimentica la vocazione del collettivo, che intende promuovere la sperimentazione musicale e l’arte contemporanea, riscoprendo luoghi emblematici della Riviera Romagnola. Ecco allora che – in attesa dell’evento vero e proprio, previsto nel fine settimana del 16-18 giugno – ospita il live di M.E.S.H. (ore 22), artista, producer e dj americano residente a Berlino, giudicato tra i più stimolanti della scena elettronica attuale. M.E.S.H. gioca con le ritmiche, crea texture iper-dettagliate, architettando un design del suono di grande impatto, grande quanto la maestosità del Magazzino Darsena. In apertura il live set di Sebastiano Carghini (ore 21), la cui ricerca unisce le molteplici potenzialità dei synth modulari alle altrettanto sconfinate possibilità espressive offerte dai più disparati oggetti di recupero (“found object”). Prima ancora (ore 18.30), un dj set in darsena accompagnerà i visitatori alla scoperta dell’installazione realizzata dal collettivo.

L’esposizione rimarrà visibile fino al 1 maggio nei seguenti giorni: 17, 23, 24, 25 e 30 aprile e 1 maggio dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 17 alle 22. Il 22 e il 29 aprile dalle 17 alle 22. Nei giorni restanti sarà possibile comunque visitare l’installazione previa prenotazione all’indirizzo info@magma.zone.
L’evento lo trovate qui.